Apple, i dipendenti non possono parlare della società sui social network

Apple usa il pugno duro contro i suoi dipendenti: nelle scorse settimane, un dipendente di un Apple Store, era stato licenziato perchè aveva rilasciato un commento negativo su Facebook. Il dipendente aveva criticato il suo impegno all’interno dell’Apple Store, pubblicando una nota negativa sul proprio profilo personale di Facebook. Risultato? Il manager dell’Apple Store lo ha sollevato dall’incarico. Molti sono rimasti assolutamente shoccati da questa situazione, ma è pur vero che all’interno di Apple vige un regolamento davvero severo. L’utente è obbligato a non discutere pubblicamente delle strategie e più in generale, di ciò che accade all’interno di Apple, e dunque anche all’interno degli Apple Store. Apple non vieta – e ci mancherebbe – l’uso dei social network o blog, ma vieta assolutamente che ogni dipendente possa rilasciare informazioni o commenti di qualsiasi tipo, che riguardino il mondo Apple. Una sorta di censura che a molti dipendenti non va giù, ma è chiaro che quando un dipendente viene assunto e firma un contratto, deve sottostare a quel regolamento che vige all’interno dell’azienda. I dipendenti di Apple infatti sono membri di un team – come dice il regolamento – ed ognuno di essi è un rappresentante della società, dunque deve comportarsi in maniera adeguata. Giusto per fare un esempio: ogni dipendente ha una mail @apple.com, che può essere usata solo per le comunicazioni interne e non per affari personali.

Pietro Gugliotta