Come vedere film in streaming su smartphone (senza wifi)

iphone

Nel caso in cui siate in viaggio, per lavoro o per altri motivi, ma anche quando la vostra connessione Wifi tra le mura domestiche non funziona, ecco che bisogna optare per un’alternativa per vedere film e serie tv in streaming. L’unica opzione a disposizione è ovviamente quella di sfruttare la connessione 4G del proprio smartphone o tablet.

Il problema, però, è che probabilmente buona parte dei Giga Byte sono già stati consumati e, quindi, ci si chiede come poter trovare una soluzione. Guardare le tariffe mobile con molti Giga inclusi è la cosa migliore da fare in questi casi, visto che per poter guardare un film o una serie tv, in modo particolare in alta definizione, consuma spesso e volentieri diversi giga.

Con la piattaforma CheTariffa, selezionando operatore, esigenze in termini di minuti e sms, ma anche metodo di pagamento che si ha intenzione di sfruttare, oltre ovviamente alla quantità di giga di cui si necessita, si possono confrontare le offerte migliori in base alle proprie necessità.

 

Quanti giga servono per guardare film e serie tv in streaming?

Sono vari i fattori che possono portare ad un aumento oppure ad un calo dei consumi per potersi gustare un film in streaming. La risoluzione delle immagini è senz’altro l’elemento che va a condizionare in gran parte il consumo di giga, insieme ovviamente alla durata che caratterizza il filmato.

Attenzione, visto che il quantitativo di giga che serve non è assolutamente correlato con il device su cui si ha intenzione di guardare film e serie tv. Un aspetto molto più importante da tenere in considerazione è la modalità di visione su cui si decide di puntare, come HD oppure Ultra HD in 4K.

Ebbene, per potersi gustare un film in streaming proposto in alta definizione da 1280×720 pixel il consumo mediamente è pari a 900 MB all’ora. Con la modalità Full HD il grado di visione è un po’ più alto, con una risoluzione pari a 1920×1080 pixel e, di conseguenza, anche il consumo di giga byte sarà notevolmente più elevato. La differenza tra 2k e 4K è interessante, soprattutto a livello di giga consumati: 60 minuti di streaming con il 2K possono comportare un consumo pari a 3GB, mentre con il 4K si può arrivare a consumare anche addirittura 7 GB.

Infine, è bene considerare anche la visione in streaming con una risoluzione standard, con cui evidentemente il consumo di gigabyte si riduce in maniera importante. In questo caso, infatti, per circa 60 minuti di visione di un contenuto in streaming il consumo si aggira intorno ai 700 MB, mentre con una qualità video più bassa il consumo scende ancora di più. Per Netflix, il consumo minimo con la qualità video in streaming più bassa è pari a 300 MB per 60 minuti di visione.

Come guardare Netflix senza la connessione

Spesso e volentieri, quando non si può contare su una connessione internet rapida, c’è la possibilità di effettuare il download di film e serie tv e poterli ammirare e guardare in qualsiasi momento, anche senza rimanere online. Attenzione, però, si tratta di un sistema che si può sfruttare solamente su tablet e smartphone.

Per poter provvedere all’attivazione di questo tipo di funzionalità, è sufficiente effettuare l’installazione della versione più recente dell’app sul proprio dispositivo mobile. Se non l’avete già fatto, potete aggiornare l’app dopo aver eseguito l’accesso.

È bene mettere in evidenza come non tutte le pellicole piuttosto che le serie tv possano essere oggetto di download. Come scoprirlo, quindi? È sufficiente fare un tap sul pulsante “=” all’interno della schermata primaria di Netflix, scegliendo la voce denominata “Disponibili per il download”. Altrimenti, c’è sempre l’opportunità di effettuare la ricerca di ogni tipo di contenuto e dare un’occhiata, sotto la descrizione, se c’è una freccia rivolta verso il basso per il download o meno.

Alfonso Alfano
Appassionato di sport, tecnologia, storia e astronomia, più in generale sono una persona curiosa e testarda; adoro cimentarmi in nuove avventure, da ormai più di un decennio scrivo sul web, dove svolgo diverse attività lavorative, SEO e copywriting su tutte.