Il Dev-Team fa partire il conto alla rovescia

Ennesimo post pubblicato sul blog ufficiale del Dev-Team, il team di programmatori che sta lavorando allo sblocco dell’ultimo firmware per iPhone. Questo sembra davvero essere l’ultimo post prima del rilascio del programma Pwnage Tool 2.0 che permetterà di sbloccare i cellulari aggiornati all’ultima versione 2.0. In sintesi viene detto che stanno terminando di ripulire il codice dagli ultimi bug.

Pubblichiamo alcuni brani tradotti dal loro post:

“Abbiamo lavorato duramente per fare in modo di avere una release pronta e durante questo tempo abbiamo sistemato alcuni bug. L’applicazione PwnageTool sta funzionando molto bene su tutti i dispositivi supportati.
….

Apple ha rilasciato un aggiornamento al firmware 2.0 (b103) qualche istante prima che iniziassimo la distribuzione di Pwnage 2.0. Ragione per cui abbiamo dovuto posticipare il rilascio dell’applicazione per fare in modo di icnludere anche questa release.

In un certo senso è stata una fortuna aver posticipato il rilascio dell’applicazione in quanto ci ha permesso di scovare alcuni fastidiosi bug che si verificavano durante l’uso dell’AppStore e delle applicazionidi terze parti.

…..

Per concludere quando rilasceremo Pwnage 2.0 supporterà:

iPhone prima generazione – Attivazione, sblocco della parte telefonicae Jailbroke (con supporto delle applicazioni di terze parti).

iPod Touch con 2.0 – Attivazione & Jailbroken, (con supporto delle applicazioni di terze parti).

iPhone (3G) con 2.0 – Attivazion & Jailbroken (con supporto delle applicaizoni di terze parti).”

Purtroppo la prima release di Pwnage non permetterà lo sblocco della parte telefonica negli iPhone 3G in quanto la Apple ha fatto pesanti modifiche al baseband che richiede uno studio molto approfondito prima di riuscire a sbloccare senza problemi. A noi Italiani sinceramente questa cosa non interessa granchè in quanto gli iPhone 3G vengono venduti anche senza la limitazione della sim-lock.

Non appena uscirà Pwnage 2.0 la recensiremo.

Via Dev-team

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.