La batteria dell’iPhone 3G è debole, debole, debole


Walt Mossberg, giornalista del Wall Street Journal, famoso per i suoi articoli sul web e la tecnologia in generale, ha pubblicato quest’oggi un articolo molto ben fatto sui pregi e i difetti dell’iPhone 3G. Dopo averlo testato per un paio di settimane circa, nell’articolo pubblicato questa mattina dal quotidiano Americano sottolinea come nella realtà l’iPhone 3G abbia mantenuto le promesse. In particolare ha trovato la navigazione in internet e i messaggi email molto veloci, addirittura dalle 3 alle 5 volte più veloci rispetto ad un iPhone EDGE.

Inoltre la nuova funzionalità AppSTore da “all’iPhone 3G la possibilità di diventare una vera piattaforma di sviluppo” molto simile ad un mini PC

Non manca di rilevare comunque alcuni difetti: primo fra tutti la durata delle batterie che a suo parere è molto meno “longeva” di quella dell’iPhone EDGE. Questo problema è dovuto principalmente al maggior consumo che richiede una rete 3G rispetto ad una 2G

Non solo, la batteria dell’iPhone 3G in realtà nasconde un ulteriore problema: il fatto che sia sigillata non permette una sua sostituzione da parte dell’utente finale.

Per quelli che non ne fossero a conoscenza la Apple sul suo sito in lingua Inglese conscia del problema di durata delle batterie dei nuovi iPhone 3G ha pubblicato nei giorni scorsi alcuni consigli su come “aumentarne” la durata.

Quello che raccomanda Apple per aumentare la durata della batteria

* Disattivare la funzionalità 3G: Le reti cellulari 3G aumentano la velocità di navigazione, ma riducono sensibilmente la durata della batteria. Una volta disattivato il 3G l’iPhone sarà comunque ancora in grado di effettuare e ricevere chiamate e di accedere ad internet tramite EDGE o GPRS se disponibili. (nota del redattore: comunque cara Apple del 3G ne avete fatto un cavallo di battaglia per aumentare le vendite ed ora ci chiedetelo si spegnerlo).

* Ridurre al minimo l’uso di servizi di localizzazione: Le applicazioni che utilizzano frequentemente i servizi di geolocalizzazione come Google Maps possono ridurre la durata della batteria. Disattivare questi servizi quando non necessari.

* Eliminare il caricamento temporizzato di dati dalla rete: Alcune applicazioni come ad esempio Mail possono essere configurate in maniera tale che ad intervalli specifici di tempo recuperino in maniera automatica dati dalla rete. Eliminare questo settaggio aumenta la durata della batteria.

* Disattivare il servizio push mail: Se disponete di un account di posta elettronica di tipo push come ad esempio Yahoo!, MobileMe o Microsoft Exchange, disattivate la funzionalità push quando non necessaria.

* Ridurre al minimo l’uso di applicazioni di terze parti: L’eccessivo uso di applicazioni come i giochi impediscono allo schermo il suo spegnimento o offuscamento riducendo in questo modo la durata della batteria.

* Disattivare il WiFi: Se utilizzate raramente il Wi-Fi, è possibile disattivarlo per risparmiare energia.

* Disattivare il Bluetooth: Se utilizzate raramente dispositivi che facciano uso di Bluetooth, è possibile disattivarlo per risparmiare energia.

* Utilizzare la modalità Aerea nelle zone non coperte dal segnale telefonico o coperte in maniera debole: Poiché l’iPhone cerca sempre di mantenere un collegamento con la rete cellulare, consumando in tal modo batteria, può essere conveniente disattivarlo per risparmiare eneergia.

* Regolare la luminosità: Dimunuire la luminosità dello schermo è un altro modo per estendere la durata della batteria.

* Disattivare EQ: Applicare un equalizzatore durante la riproduzione di un brano sul tuo iPhone può ridurre la durata della batteria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.