Intervista a Zibri autore del programma ZiPhone

wow_black.jpg

Siamo felicissimi di poter pubblicare un’intervista con una persona conosciuta in tutto il mondo per l’impegno fruttuoso verso lo sblocco degli iPhone e iPod Touch: Zibri autore del famoso programma di sblocco degli iPhone e iPod Touch anche con firmware 1.1.4.

La nostra conoscenza con Zibri è recentissima e risale solo a qualche giorno fa quando ha lasciato un commento in un nostro articolo e successivamente è stato ricontattato da noi.

L’impressione che ho avuto è di una persona curiosa, molto semplice e nello stesso determinata.

Questa è l’intervista:

Apple Blog: Iniziamo con una curiosità: ha un qualche significato particolare il nickname Zibri con cui è conosciuto nel mondo? Le chiedo questo perchè sembra molto affezionato a questo nick dato che ha scelto di usare la prima lettera anche per dare il nome all’applicazione ZiPhone.

Zibri: Zibri e’ un nomignolo affibbiatomi a scuola storpiando il mio cognome, e mi e’ sempre piaciuto. Lo uso da piu’ di 20 anni. Se Googlate un po’ troverete molti risultati.. fra newsgroup e blog.

Apple Blog: Che tipo di studi hai fatto? E in quale momento particolare della sua vita è nata la sua passione per la programmazione?

Zibri: Studi classici. La passione per l’informatica nasce nella mia infanzia. Per la programmazione in realtà non ho una vera passione, piuttosto mi piace capire come funzionano le cose, e cerco di farle funzionare meglio. (almeno secondo i miei gusti)

Apple Blog: Lei all’interno del suo blog asserisce di dedicarsi a tempo pieno allo sviluppo dell’applicazione ZiPhone, addirittura lavorandoci per ben 18 ore al giorno. Che cosa faceva prima di dedicarsi a questa attività?

Zibri: Ho sono sempre cercato di godere la vita senza essere schiavo di alcun legame verso gli orologi ed eventuali datori di lavoro. Professionalmente mi sono occupato di sicurezza di reti informatiche.

Dopo un pò però mi sono stancato di avere a che fare con societa’ che fanno tutto meno che sicurezza. Quindi comprando casa e rivendendola ho guadagnato abbastanza da viverci senza grossi lussi ma senza neanche rinunce.

Apple Blog: All’applicazione ZiPhone lavora solo lei o si fa aiutare anche da altri programmatori?

Zibri: ZiPhone e’ basato su di un baco (bug) trovato da me che permette di fare il boot da ramdisk non firmati. Per il resto ho utilizzato varie applicazioni open source modificate in modo da essere il più sicure possibile.

Prova ne e’ che dalla prima versione, ZiPhone non ha mai danneggiato alcun telefono.

Gli unici report negativi che mi hanno riportato sono dovuti a persone che avevano precedentemente danneggiato la “seczone” dell’iPhone tramite l’uso di altri programmi. (come IPSF, freeipsf e vari unlock hardware).

Ma anche li’ in alcuni casi ziphone e’ stato in grado di recuperare tali situazioni.

Apple Blog: ZiPhone utilizzata da moltissime persone per sbloccare gli iPhone e iPod Touch è un’applicazione come dicono gli Americani creata “from scratch”, cioè dall’inizio o si basa su precedenti studi di altri gruppi di programmatori?

Zibri: vedi sopra.

Apple Blog: Conosce qualcuno del Dev Team o è in contatto con altri programmatori impegnati sul fronte dello sblocco dell’iPhone?

Zibri: No. Non ho nessun rapporto con loro ne’ intendo averlo. Ho aperto a loro la porta piu’ volte ma hanno preferito comportarsi da bambini. Ma odio le polemiche e la chiudo qui’.

Apple Blog: Ci può spiegare ad un livello divulgativo e brevemente in che cosa consiste sbloccare un iPhone.

Zibri: Permettere a chiunque di utilizzare l’hardware che ha pagato come piu’ gli piace. Sia a livello telefonico (qualunque sim) che a livello di software (applicazioni di terze parti).

Apple Blog: Tra l’attivazione, il Jailbreak, e lo sblocco della parte telefonica, quale ha richiesto più tempo di programmazione.

Zibri: Sicuramente il rendere sicura e controllata tutta l’operazione. Non e’ possibile neanche volendo distruggere un telefono con ziphone. A meno che non si interrompa il downgrade del bootloader in modo forzato. (mai successo finora)

Apple Blog: C’è stato un momento durante lo sviluppo dell’applicazione ZiPhone che pensava di non riuscire a portarla a termine?

Zibri: No. Era pronta da mesi e per uso personale. La utilizzavo per ripristinare i telefoni che usavo per fare i miei test. E stancatomi di perdere due ore ogni volta, la scrissi per fare prima. Quando mi resi conto che il livello qualitativo fosse tale da non creare disastri anche nell’utente meno ferrato decisi allora di divulgarla.

Apple Blog: Qual’è stato la difficoltà più grande che gli si è presentata durante lo sviluppo ?

Zibri: Riuscire a rendere solida l’applicazione. All’inizio fu dura anche tutta la parte del reverse enineering sia del baseband che dell’iphone.

Apple Blog: Alcuni lettori del nostro blog ci hanno espresso un risentimento verso di Lei dovuto al fatto che inizialmente aveva comunicato sul suo blog che avrebbe rilasciato l’ultima versione di ZiPhone solo ai donatori del sito e in secondo momento l’avrebbe resa di pubblico dominio. Perchè ha cambiato idea all’ultimo?

Zibri: Andatevi a rileggere il post. L’ho fatto anche tradurre. Non ho MAI affermato nulla di simile. Avevo solo detto che coloro che avevano donato lo avrebbero ricevuto UN GIORNO PRIMA. Era un modo scemo di dire loro grazie. Poi per motivi organizzativi e di velocita’ ho preferito rilasciarlo per tutti nello stesso giorno. E non c’e’ stata alcuna lamentela da chi ha donato.

Apple Blog: Negli scorsi mesi molte volte è uscita la notizia in alcuni blog e siti di notizie che la Apple avrebbe potuto bloccare per sempre (brick) gli iPhone sottoposti ad uno sblocco software. Secondo Lei è possibile una cosa del genere o esisterà sempre un metodo per ripristinare un iPhone bloccato via software?

Zibri: Buona la seconda :)

Apple Blog: Abbiamo visto recentemente una grande crescita del suo sito www.ziphone.org in termini di visitatori e visibilità, con la traduzione attualmente in ben 12 lingue. Quali pensa possano essere gli ulteriori sviluppi del suo sito?

Zibri: Lo vedrete. Ho in serbo molte novita’. Anche non direttamente connesse con l’iphone.

Apple Blog: Non è giusto che ci dica la cifra, ma ZiPhone quanto le ha fatto guadagnare: poco, abbastanza, molto, tantissimo?

Zibri: Dipende. Per ognuno di noi il denaro ha un valore diverso. 10 euro per qualcuno sono nulla per altri tantissimo.
Diciamo che sono arrivate parecchie donazioni e che la pubblicita’ sul sito e’ arrivata a delle belle cifre, ma non e’ quello il mio principale interesse (pur non sputandoci sopra affatto).

Namaste!

Zibri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.